Gara - ID 5

Stato: Scaduta


Registrati o Accedi Per partecipare

ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoServizi
GARA A PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO BAR E DI RISTORAZIONE PRESSO LA SEDE DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ROMA, VIA VITORCHIANO.
CIG7944217F3E
CUP
Totale appalto€ 884.646,89
Data pubblicazione 05/08/2019 Termine richieste chiarimenti Martedi - 24 Settembre 2019 - 14:00
Scadenza presentazione offerteGiovedi - 26 Settembre 2019 - 17:00 Apertura delle offerteVenerdi - 27 Settembre 2019 - 10:30
Categorie merceologiche
  • 55511 - Servizi di mensa ed altri servizi di caffetteria per clientela ristretta
DescrizioneAffidamento in concessione del servizio bar e di ristorazione presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile di via Vitorchiano, Roma, come specificato nella documentazione di gara.
Struttura proponente Ufficio Amministrazione e bilancio
Responsabile del servizio Gianfranco Sorchetti Responsabile del procedimento TANGORRA MICHELE
Allegati
Richiesta DGUE XML
File pdf allegato-1-listino-prezzi - 179.83 kB
05/08/2019
File docx allegato-2-modello-domanda-di-partecipazione. - 15.89 kB
05/08/2019
File docx allegato-3-patto-di-integrita. - 52.13 kB
05/08/2019
File pdf allegato-4-metodo-attribuzione-punteggio-tecnico - 545.35 kB
05/08/2019
File pdf capitolato-speciale-doneri - 0.98 MB
05/08/2019
File pdf allegato-a-caratteristiche-merceologiche - 311.11 kB
05/08/2019
File pdf allegato-b-planimetria-locale - 28.23 kB
05/08/2019
File pdf allegato-c-elenco-attrezzature - 106.36 kB
05/08/2019
File pdf allegato-d-duvri-rev01 - 415.47 kB
05/08/2019
File pdf schema-di-concessione - 174.10 kB
05/08/2019
File p7m disciplinare-di-gara.pdf - 1.34 MB
05/08/2019
File pdf avviso-rettifica-refuso - 40.76 kB
29/08/2019
File zip planimetria-locali-formato-dwg - 0.99 MB
19/09/2019
File pdf sopralluogo-proroga-dei-termini-di-richiesta - 495.40 kB
20/09/2019
File pdf Atto di costituzionedella Commissione valutatrice - 220.07 kB
30/09/2019
File pdf Curriculum Vitae Nicoletti Mario - 188.48 kB
30/09/2019
File pdf Curriculum Vitae Pizzicannella Antonio - 534.82 kB
30/09/2019
File pdf Curriculum Vitae Dafinoiu Adriana - 326.82 kB
30/09/2019
File pdf Curriculum Vitae Tangorra Michele - 475.60 kB
30/09/2019
File pdf Verbale ammissione - 102.66 kB
03/10/2019

Seggio di gara

Atto di costituzione 2111 - 17/06/2019
Nome Ruolo CV
Tangorra Michele RUP File pdf

Commissione valutatrice

File pdf Atto di costituzione 3286 - 27/09/2019
Nome Ruolo CV
Nicoletti Mario Presidente File pdf
Pizzicannella Antonio Componente File pdf
Dafinoiu Adriana Componente e Segretario File pdf

Avvisi di gara

03/10/2019Comunicazione data di apertura della busta Busta B - Offerta Tecnica della procedura Aperta: GARA A PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO BAR E DI RISTORAZIONE PRESSO LA SEDE DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ROMA, VI
Si comunica che l'apertura della busta Busta B - Offerta Tecnica per la procedura in oggetto avverra in data Lunedi - 07 Ottobre 2019 - 09:30...
20/09/2019Modifica date procedura Aperta: GARA A PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO BAR E DI RISTORAZIONE PRESSO LA SEDE DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ROMA, VIA VITORCHIANO.
Si comunica l'avvenuta modifica delle date relative la procedura in oggetto A seguire la tabella riepilogativa delle date aggiornate Resta fermo il termine, già scaduto, per la proposizione di richieste di chiarimenti.   Termine richieste sopralluoghi...

Chiarimenti

  1. 22/08/2019 12:06 - Si chiede la pubblicazione dell’elenco del personale attualmente in carica presso la struttura oggetto del presente Appalto. Inoltre, al fine di correttamente valutare l’incidenza della voce “costo del personale” per la commessa in oggetto, siamo a richiedere quanto segue: le unità di personale attualmente impiegate, il livello retributivo, la qualifica, la data di assunzione, la tipologia di contratto (tempo determinato o indeterminato) e il tipo di CCNL applicato, gli scatti di anzianità, la presenza o meno di personale attualmente in maternità e la presenza tra il personale di operatori che si avvalgono della legge 104.

    Si riportano di seguito le informazioni relative al personale attualmente impiegato dall’attuale concessionario del servizio in argomento, presso la sede oggetto del presente appalto.
    MANSIONE CCNL APPLICATO TIPOLOGIA CONTRATTO ORE LIVELLO DATA DI ANZIANITA’ CONVENZIONALE DATA DI ASSUNZIONE
    A.S.M. PUBBLICI ESERCIZI T.I. 18 VI S 08/08/2009 21/03/2016
    A.S.M. PUBBLICI ESERCIZI T.I. 18 VI S 24/03/2014 21/03/2016
    A.S.M. PUBBLICI ESERCIZI T.I. 40 VII 03/11/2014 03/11/2014
    A.S.M. PUBBLICI ESERCIZI T.I. 20 VI S 21/03/2011 21/03/2016
    BARISTA PUBBLICI ESERCIZI T.I. 40 IV 01/03/2018 01/03/2018
    BARISTA PUBBLICI ESERCIZI T.I. 30 V 01/01/2014 21/03/2016
    CASSIERA PUBBLICI ESERCIZI T.I. 40 V 12/10/1998 21/03/2016
    COORD. DI IMPIANTI PUBBLICI ESERCIZI T.I. 40 III 02/06/2015 02/06/2015
    CUOCO PUBBLICI ESERCIZI T.I. 40 III 01/12/2016 01/12/2016
    INS. DI CUCINA PUBBLICI ESERCIZI T.I. 40 VI 05/06/2016 05/06/2016
    16/09/2019 11:15
  2. 30/08/2019 15:48 - Si chiede cosa s'intende per pasto, e come si dimostra l'erogazione di 60.000 pasti nel triennio 2016-18, ovvero se è possibile soddisfare il requisito mediante l'erogazione di pasti di gastronomia fredda, a beneficio di un'utenza giornaliera elevata, in un'unico punto.
     


    Il requisito di capacità tecnica e professionale a cui si fa riferimento è volto a selezionare imprese che abbiano già svolto “servizi analoghi” a quelli oggetto di gara.
    Al riguardo, saranno ammesse alla procedura di gara gli operatori che dimostreranno di aver eseguito, nel periodo 2016-2018, almeno un servizio analogo al servizio di ristorazione collettiva (inteso come produzione e somministrazione pasti agli utenti), prestato a favore di un unico committente (pubblico o privato), con un numero di pasti direttamente erogati (senza subappalto) non inferiore a n. 60.000.
    In particolare, la produzione e la distribuzione di pietanze fredde può essere considerata “servizio analogo” (cfr. Tar Puglia, sez. II, sentenza 25 gennaio 2019, n. 119).
    16/09/2019 11:18
  3. 13/09/2019 15:33 - In merito alla procedura in oggetto, si richiedono i seguenti chiarimenti:
    1. In virtù di quanto previsto nel Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro e dalla Clausola sociale al punto 24. Del Disciplinare di gara, si chiede di ricevere l’elenco del personale utilizzato dall’attuale ditta che opera per l’esecuzione del servizio a favore della Spett.le Stazione Appaltante, con ulteriore indicazione di livelli di inquadramento, monte ore settimanale e mansione di ciascuna figura. 
    2. Si chiede di fornire la planimetria della sede oggetto del servizio in formato dwg con indicazione ulteriore degli ingombri e delle attrezzature presenti.
    3. Si chiede se le attrezzature presenti all’interno della sede siano di proprietà della Stazione Appaltante o se l’attuale gestore abbia compiuto integrazioni sulle stesse e, nel caso, se tali integrazioni resteranno di proprietà della Stazione Appaltante alla scadenza del servizio o resteranno di proprietà della ditta uscente.
    4. Si chiede di conoscere chi si occupi della manutenzione ordinaria e straordinaria dei beni mobili e immobili e se vi è in disponibilità un libretto sulle manutenzioni effettuate, così da poterlo visionare ai fini della stesura del progetto tecnico.
    5. Si chiede di fornire tutte le planimetrie di tutti i locali oggetto di appalto collocati al piano seminterrato e al piano terra, con le relative attrezzature presenti;
    6. Si chiede di fornire l’indicazione dei turni di lavoro del personale dipendente del Dipartimento della Protezione Civile ai fini della conoscenza se abbiano il tempo prolungato e se si, in quali giorni essi lo abbiano.
    7. Si chiede di fornire il Certificato di Prevenzione Incendi di tutti i locali oggetto di gara;
    8. Si chiede se le attrezzature e gli arredi che saranno integrati sia all’inizio che durante lo svolgimento dell’appalto, rimangano in proprietà alla Stazione Appaltante o se possano essere ritirate dall’aggiudicatario a fine appalto.
    9. Si chiede di conoscere quale sia il valore del buono pasto indicato al punto 8.2 a pag. 15 del Capitolato d’oneri e fornito ai dipendenti dall’Amministrazione
    10. Si chiede di fornire la Dichiarazione di Conformità degli impianti ed elaborati;
    11. Si chiede di conoscere l’ultima verifica di terra ai sensi del DPR 462/01;
    12. Si chiede di fornire l’Autorizzazione allo scarico;
    13. Si chiede di conoscere la destinazione urbanistica dell’immobile;
    14. Si chiede di fornire i manuali d’uso, manuali di manutenzione e certificazioni CE delle attrezzature presenti nei locali oggetto di gara;
    15. Si chiede di indicare l’Impegnativa elettrica e l’Impegnativa gas a servizio dei locali oggetto di gara.
    16. Si chiede di conoscere, poiché non indicate in maniera specifica all’interno dell’Allegato A relativo alle caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari e non alimentari, le quantità e grammature precise dell’olio e del formaggio che devono essere rispettate per ciascun pasto.


    Si riportano, di seguito, le risposte ai quesiti sopra riportati:
    1. Leggasi risposta fornita al quesito n. 1
    2. Si segnala che è stata pubblicata sulla Piattaforma telematica, nella sezione “Allegati” della scheda dedicata all’appalto in argomento, la planimetria dei locali in formato “dwg” (racchiusa, per ragioni tecniche, in un file formato "zip"). Per quanto concerne le attrezzature, gli elementi richiesti sono direttamente acquisibili dagli Operatori economici in sede di sopralluogo obbligatorio.
    3. Gli arredi e le attrezzature di proprietà dell’Amministrazione sono quelle elencate in Allegato C al Capitolato Speciale d’Oneri. Ogni ulteriore arredo/attrezzatura presente nei luoghi di svolgimento del servizio oggetto di affidamento è di proprietà dell’attuale Concessionario e non sarà acquisito dalla Stazione Appaltante al termine della durata dell’appalto in essere.
    4. Si richiama quanto previsto all’articolo 8.3 del Capitolato Speciale d’Oneri (CSO): “Saranno interamente a carico dell’Aggiudicataria la manutenzione ordinaria dei locali e degli impianti messi a disposizione dall’Amministrazione, nonché la manutenzione straordinaria, salvo quanto previsto dal precedente art. 7 del presente Capitolato.” Il citato art. 7 del CSO disciplina gli obblighi dell’Amministrazione, tra i quali, con riferimento al quesito in argomento, si segnala l’impegno ad “effettuare la manutenzione straordinaria dei soli impianti di condizionamento, impianti elevatori ed elettrici”, nonché l’impegno ad “effettuare la pulizia delle vetrate e degli infissi esterni”.
    5. Leggasi risposta fornita al quesito punto 2.
    6. L’orario ordinario di lavoro del personale del Dipartimento impiegato presso la sede di via Vitorchiano (circa 520 unità) è 08:00 – 15:12, fatta eccezione per i servizi H24, per i quali vengono impiegati giornalmente circa 30 unità (turnisti). Per fronteggiare specifiche esigenze legate allo svolgimento dei propri compiti istituzionali (esigenze non prevedibili, relativamente a periodicità, durata e intensità), un’aliquota di personale può essere impiegata temporaneamente oltre l’orario di lavoro ordinario, anche a integrazione del personale impiegato in servizi H24.
    7. Come indicato all’articolo 1 del Capitolato Speciale d’Oneri, “l’Aggiudicataria dovrà provvedere a tutti gli adempimenti necessari nei confronti delle Autorità competenti, volti ad ottenere il rilascio di tutte le licenze e/o autorizzazioni necessarie all’espletamento delle attività oggetto di affidamento”. Tra le predette licenze e/o autorizzazioni rientra anche il Certificato di Prevenzione Incendi, nel caso in cui gli impianti e le attrezzature impiegate per lo svolgimento delle attività oggetto di affidamento siano assoggettate ai controlli di prevenzione incendi previsti dal d.P.R. 1 agosto 2011, n. 151.
    8. Le attrezzatture e gli arredi integrati dal concessionario restano di sua proprietà e potranno essere ritirati al termine della durata dell’appalto.
    9. Il valore “facciale” dei buoni pasto forniti al personale del Dipartimento è pari attualmente a € 7,00 (sette/00).
    10. La suddetta dichiarazione rientra nella conformità generale dell’edificio. Non esiste una dichiarazione specifica per i locali in concessione.
    11. La verifica è stata effettuata con esito positivo ed è in corso di validità.
    12. Ai sensi dell’art. 124, comma 4 del d.lgs. 152/2006 e ss.mm.ii., gli scarichi derivanti esclusivamente da servizi igienici, cucine o mense rientrano tra gli scarichi di acque reflue domestiche in reti fognarie, e sono sempre ammessi, nell’osservanza dei regolamenti fissati dal gestore del servizio idrico integrato ed approvati dall'ente di governo dell'ambito.
    13. La destinazione urbanistica dell’immobile è “Uffici e servizi accessori”, come da dichiarazione del locatore.
    14. La documentazione richiesta può essere acquisita prendendo contatti con i relativi fornitori e/o produttori, ovvero scaricata dai rispettivi siti internet.
    15. Nel locale dedicato al servizio ristorazione la potenza elettrica fornita è di 65 Kw Trifase, mentre nel locale dedicato al servizio bar è pari a 25 Kw Trifase. Per quanto concerne “l’impegnativa gas”, l’attivazione della relativa fornitura ed i conseguenti oneri sono, ai sensi dell’articolo 8.1 del Capitolato Speciale d’Oneri, a carico dell’Aggiudicataria.
    16. Le grammature dovranno essere tali da assicurare il rispetto dei parametri di riferimento indicati al paragrafo 2.8 “Profilo nutrizionale” del Capitolato Speciale d’Oneri.
    19/09/2019 18:03
  4. 13/09/2019 17:34 - In merito alla procedura in oggetto, si chiede il seguente chiarimento: 
    • Il criterio j.6 valuta l’offerta di “oli e grassi”. Considerato che il burro e la panna da cucina sono stati, da codesta spett. Amministrazione, ricompresi giustamente tra i “prodotti lattiero caseari”, si chiede se è giusta la nostra interpretazione per cui il suddetto criterio si riferisca esclusivamente all’olio. In caso contrario, chiediamo di chiarire a quali prodotti bisogna far riferimento.


    Il criterio j.6 si riferisce a olii e grassi non ricompresi tra i prodotti lattiero caseari, quali ad esempio olio di oliva, olio di semi, strutto, grassi vegetali non idrogenati.
    19/09/2019 18:09

Registrati o Accedi Per partecipare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280
Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00